Protezione Civile

All'interno dell'Associazione è presente un gruppo che svolge attività di Protezione Civile.

Un po' di storia

Si narra che già nel 1908, in occasione del terremoto di Messina, un gruppo di volontari partì da Peretola e si imbarcò per raggiungere la Sicilia e prestare soccorso alla popolazione.

Ufficialmente la costituzione del gruppo di Protezione Civile risale al 1968, quando la Fratellanza Popolare si organizzò e si strutturò per portare soccorso alla popolazione del Belice, colpita da un violento sisma. Da allora l'associazione ha prestato la propria opera di soccorso in tutte le maggiori situazioni di emergenza, italiane e estere, di cui ne ricordiamo alcune: nel 1976 per il terremoto in Friuli, nel 1980 per il sisma in Irpinia e per un vasto incendio sul litorale di Livorno, nel 1990 per un incendio all'Isola d'Elba, nel 1991 per l'alluvione di Campi Bisenzio e per il trasporto di alimenti al campo profughi di Pola (Croazia), nel 1992 per le alluvioni di Poggio a Caiano e Figline Valdarno, nel 1993 per la strage dei Georgofili a Firenze, nel 1996 per la frana a Cardoso, nel 1997 per il terremoto in Umbria e nelle Marche, nel 1998 per il dissesto idrogeologico a Sarno, nel 1999 con la missione Arcobaleno in Albania. Fra i più recenti interventi si ricordano le esequie di Giovanni Paolo II a Roma nel 2005, l'emergenza neve in Basilicata del 2005, l'esondazione di Sinalunga del 2006 ed il sisma in Abruzzo del 2009.

Attività sul territorio

Oltre alle emergenze, il gruppo di Protezione Civile svolge quasi quotidianamente altre attività sia a supporto delle inziative sociali del Borgo in cui ha la sede, sia in collaborazione con gli Enti locali toscani, con i quali sono ormai da tempo in essere alcune convenzioni.

La prima convenzione è stata stipulata con il Comune di Firenze per i servizi di protezione civile sul territorio, sia in caso di emergenze locali (per esempio per eventi atmosferici di notevole intensità) sia per supporto logistico e sanitario ad eventi e manifestazioni che prevedono una considerevole partecipazione della popolazione.

 

Organizzazione e attrezzature

L'Associazione dispone, per le attività di protezione civile, di un Fuoristrada, di un'ambulanza e di un pullmino, di un gommone, più attrezzature varie tra cui idrovore, pompe a immersione e gruppi elettrogeni.

Attualmente il gruppo di Protezione civile è composto da 40 volontari, di cui una trentina presta servizio assiduamente. E' previsto un apposito corso di protezione civile, di circa 10 lezioni, per la formazione di nuovi volontari, oltre ad alcune lezioni aggiuntive per la partecipazione ai due gruppi tecnici "Nautico" e "Corde".

Negli ultimi tempi, uno strumento informatico disponibile sulla rete Internet permette la gestione dei servizi e degli aspetti organizzativi direttamente dalle rispettive abitazioni e uffici, garantendo a tutti i volontari una copertura e un'informazione costante su quanto avviene all'interno del gruppo.